Principali coppie di valute nel forex

piattaforme forex e valute

Il volume degli scambi nel mercato Forex cresce sempre di più, arrivando al giorno d’oggi a toccare un volume di quasi i 5 mila miliardi di dollari al giorno. L’enorme successo del mercato Forex è dovuto agli ottimi strumenti che esso offre per la compravendita delle valute monetarie.

Principali coppie di valute

Le valute più scambiate nel mercato Forex sono dette valute majors e sono sei:

  • Dollaro americano, USD;
  • Euro dei Paesi europei, EUR;
  • Yen giapponese, JPY;
  • Sterlina inglese o pound, GBP;
  • Franco svizzero, CHF;
  • Dollaro canadese, CAD.

Queste sono le sei più utilizzate dai trader nel mercato Forex. Ogni valuta viene associata ad una sigla di tre lettere: le prime due indicano il nome del Paese di quella valuta, mentre la terza indica il nome della valuta. Ad esempio, la sigla del dollaro canadese è CAD: “CA” è quindi riferito chiaramente al Paese Canada, mentre D indica che la moneta in circolazione in quel Paese è il dollaro.

Il dollaro americano è la valuta major di riferimento in tutto il mercato Forex, utilizzata in 9 operazioni su 10 nel trading forex. Non a caso, tutte le coppie in cui compare il dollaro americano insieme ad un’altra delle sei major, sono le cosiddette coppie majors.

Le coppie di valute majors, quindi le coppie di valute utilizzate per la maggior parte di transazioni nel Forex , sono:

  • EUR/USD (euro/dollaro americano) ;
  • USD/JPY (dollaro americano/ yen giapponese);
  • GBP/USD (sterlina inglese/dollaro americano);
  • USD/CAD (dollaro americano/dollaro canadese);
  • USD/CHF (dollaro americano/franco svizzero);
  • AUD/USD (dollaro americano/dollaro australiano).

Acquisto e vendita di coppie di valute nel Forex

Nelle coppie di valute monetarie, la valuta che compare per prima viene chiamata “valuta base”, mentre la seconda è la “valuta quotata”. Ad esempio, se prendiamo la coppia di valute USD/JPY, il dollaro americano sarà la valuta base, mentre lo yen giapponese sarà la valuta quotata.

Se il trader acquista questa coppia di valute, automaticamente compra il dollaro americano e vende lo yen giapponese perché pensa che il valore del dollaro è in crescita rispetto a quello dello yen. Se, viceversa, vende questa coppia di valute, in automatico venderà il dollaro americano e comprerà lo yen. L’acquisto di una coppia di valute si dice in gergo “andare long”, mentre la vendita di una coppia di valute si dice “andare short”.

Esistono poi le coppie di valute dette esotiche, perché meno scambiate nel mercato Forex. Queste sono le coppie di valute in cui compare il dollaro americano ma è abbinato a valute non majors. Le coppie di valute in cui invece non compare il dollaro americano sono chiamate “cross valutari” e ne è un esempio la coppia Euro/Pound.

Operare con le coppie di valute majors è molto più semplice e conveniente. Infatti, le valute majors sono quelle più studiate dagli analisti di tutto il mondo, i quali mettono a disposizione grafici e studi molto più dettagliati rispetto a quelli proposti per le valute minori. E, visto che il trader dovrà basarsi sullo studio di questi grafici per prevedere l’andamento del prezzo delle valute, è molto più consigliato fare trading con le valute majors piuttosto che con tutte le altre valute del resto del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *