Vuotare la cantina: un lavoro non indifferente

Vivete da anni allo stesso domicilio e oggi è giunta l’ora: si deve svuotare la cantina. Come fare? Questo tipo di lavoro è spesso ingente e, talvolta, nasconde anche alcune insidie.

Cosa c’è in cantina

Le cantine sono dei locali spesso dimenticati; vi si stipano oggetti di vario genere e, una volta spenta la luce e chiusa la porta, si dimentica tutto, come se non esistesse più. Purtroppo tutta questa merce riappare magicamente il giorno in cui si decide di fare un poco di pulizia. Non sempre si tratta di oggetti da scartare o da gettare, perché molte cose possono avere una seconda vita. Basti pensare alle volte a come sta bene il nostro vecchio comodino quando lo vediamo a casa di amici, magari restaurato e sistemato.

I primi passi

La pima cosa da fare quando si decide di pulire la cantina consiste nel togliere ogni oggetto dal luogo in cui è stipato, in modo da poter meglio vedere ogni singola cosa. In questo modo magari si ritroveranno oggetti e accessori che si credevano perduti, che potranno tornare al loro posto, direttamente in casa. Alcuni oggetti invece hanno ancora un valore e possono essere rivenduti nei negozi vintage o nei mercatini dell’usato. Oppure li si può regalare ad amici e parenti.

Cosa rimane alla fine

Tutto ciò che rimane non ha una sua vera utilità, dovrà quindi essere conferito presso le apposite isole ecologiche. Se la merce così ottenuta è veramente molta, o se ci sono oggetti di grandi dimensioni, può essere conveniente contattare una ditta che si occupa di ritiro mobili usati. Spesso sono le ditte di traslochi che propongono questo tipo di servizio, essendo munite di tutti i mezzi necessari. In alcuni comuni italiani questo tipo di servizio viene proposto direttamente dalla ditta che si occupa dell’igiene ambientale nella zona, ma è necessario prenotarne i servizi con grande anticipo.

Svuotare le cantine

Se non si ha tempo da perdere si possono contattare sin dall’inizio le ditte che si occupano di svuotamento cantine. In questo modo penseranno a tutto loro; toglieranno gli oggetti dai loro recessi, per poi valutarne lo stato di conservazione e decidere se è il caso di venderli o se invece è necessario smaltirli in discarica. In alcune situazioni il costo di questo tipo di servizio è minimo, non grava quindi in modo eccessivo sul bilancio familiare. Dopo lo svuotamento, si potrà procedere ad una pulizia di fino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *