Le vene varicose: cause e rimedi

Le vene varicose sono un disturbo a carico delle vene, soprattutto di quelle delle gambe. Si tratta di un problema dovuto alle pareti venose che tendono a rilassarsi, causando un andamento tortuoso della vena. Se tale disturbo è a carico di vene superficiali si può notare la deformazione della vena anche a occhio nudo; con il passare del tempo si possono creare tumefazioni o anche segni bluastri dovuti ai capillari rotti in superficie.

Le cause delle vene varicose

Le precise cause delle vene varicose non sono ancora state perfettamente chiarite, anche se molti studi ritengono si tratti di problemi che riguardano le pareti venose. Sono però chiaramente definiti i fattori scatenanti, che portano questo tipo di disturbo a manifestarsi soprattutto in soggetti di sesso femminile, con un’età mediamente compresa tra i 30 e i 50 anni. Tipicamente si tratta di persone che soffrono di alcune patologie: ad esempio la stitichezza cronica, problematiche a livello circolatorio, obesità. Le vene varicose però si possono manifestare anche in soggetti che hanno particolare predisposizione genetica, quindi un consanguineo che soffre di questa patologia; come ci suggerisce anche il sito Vene Varicose Stop molti dei soggetti che soffrono maggiormente di vene varicose svolgono un’attività lavorativa che li porta a mantenersi in piedi per molte ore al giorno. Questo causa un sovraccarico di lavoro per la circolazione periferica, con conseguente presenza di edema a livello delle caviglie e dei piedi. A lungo andare questa situazioni favorisce la formazione di vene varicose.

Come si curano

Si stima che in Europa circa una donna su 3 soffra di vene varicose, in modo più o meno grave. Nella maggior parte dei casi non serve un intervento medico, perché ci sono diversi rimedi che portano ad una soluzione del problema, o ad una diminuzione dei sintomi. Tra questi citiamo: indossare calze contenitive, che stimolano il funzionamento del circolo venoso degli arti inferiori; l’utilizzo di creme con principi attivi drenanti e stimolanti del microcircolo, come ad esempio l’estratto di ippocastano o di vite americana; il mantenimento del peso ideale con la pratica di uno sport a basso impatto quotidianamente. Tutti questi rimedi permettono di diminuire enormemente i sintomi, fino anche ad evitare che le vene varicose vadano incontro a complicazioni di vario genere. Se non si corre ai ripari infatti la parete venosa può rimanere compromessa in modo permanente, cosa che porta a diversi sintomi fastidiosi e alla necessità di rimuovere la vena dal circolo venoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *